• blog@coesitalia.eu

INCIDENTE TREVISO

  • 58

INCIDENTE TREVISO


Ambulanza, schianto fatale

Lancia Y taglia la strada al mezzo del 118 in Strada Ovest: muore il paziente a bordo

di Fabio Poloni

L’infarto, la corsa disperata dell’ambulanza verso l’ospedale. Lo schianto contro un’auto, il paziente che muore, i medici feriti. Dramma ieri mattina in viale Della Repubblica. L’ambulanza del Suem, diretta a tutta velocità verso l’ospedale Ca’ Foncello di Treviso, ha centrato in pieno una Lancia Y che stava svoltando a sinistra. Impatto terrificante: i due mezzi, accartocciati, hanno proseguito la loro corsa fuori controllo per una quarantina di metri. L’ambulanza è finita in un canalone che costeggia la strada, schiantandosi sulla fiancata sinistra. L’auto è rimasta lì, sul ciglio.

Silenzio dopo il botto. E’ in quei drammatici istanti che muore il paziente trasportato sull’ambulanza: Mario Boscarato, 77 anni, residente ad Arcade, era stato colto da infarto pochi minuti prima, a casa. Il personale medico del Suem era riuscito a far ripartire il battito cardiaco dell’anziano lì sul posto, prima di caricarlo sull’ambulanza in direzione Treviso. Durante la corsa a sirene spiegate verso l’ospedale, l’anziano ha avuto un altro arresto cardiaco, ma ancora una volta il personale medico è riuscito a far ripartire il suo cuore, da tempo malato. Sono attimi frenetici: su un’ambulanza lanciata ad almeno ottanta chilometri orari, con una vita appesa a un filo e l’obiettivo di arrivare al più presto in ospedale. Il destino, però, aveva deciso diversamente. In Strada Ovest, direzione Treviso, poco dopo la zona Fonderia, una Lancia Y stava per svoltare a sinistra, con l’intenzione di entrare nel piazzale del «Polo Ovest», centro commerciale che ospita un’agenzia Snai, Banca Credem e il negozio De Sade. In quel momento l’ambulanza, anch’essa diretta verso Treviso, è in fase di sorpasso sulle auto che stanno lasciando strada. L’automobilista della Lancia, T.A., 45 anni, di Villorba, forse non ha sentito la sirena, forse non ha visto i lampeggianti e i fanali abbaglianti sul retrovisore. Ha iniziato la manovra di svolta. L’impatto è stato violentissimo.

Ambulanza semi-ribaltata, automobilista immobile, vetri e detriti sparsi per una quarantina di metri. E, dentro l’ambulanza, il dramma di quella vita che era già appesa a un filo sottile, filo che l’incidente ha strappato definitivamente. Il medico, G.M., e l’infermiere, R.R., sono stati sbalzati a terra. L’autista del mezzo di soccorso, W.C., è rimasto incastrato. Un passante ha chiamato i soccorsi, che sono arrivati immediatamente. Sul posto è atterrato l’elicottero del Suem, di ritorno anch’esso da Arcade: era andato lì per soccorrere l’anziano colto da infarto, ma era ripartito vuoto perché si è preferito caricare il paziente in ambulanza, in modo da agevolare i tentativi di salvataggio. Altre tre ambulanze sono state inviate dall’ospedale, non si conoscevano le condizioni dei feriti. Non sono gravi: medico e infermiere, portati in pronto soccorso, se la sono cavata con alcune contusioni. Nel pomeriggio sono stati dimessi. Sono usciti da soli dall’ambulanza, utilizzando a mo’ di botola il portellone destro del mezzo semi-ribaltato sul fianco opposto. Anche l’autista, liberato dai vigili del fuoco, ha riportato lesioni di lieve entità. Per l’automobilista della Lancia Y, invece, le condizioni sono sotto osservazione: nell’impatto ha riportato una forte botta in testa, e ai primi soccorritori ha detto di non ricordare nulla di quanto successo.

Per Boscarato, purtroppo, non c’è stato nulla da fare: la carambola dell’incidente che ha sbalzato via i medici intenti a tenerlo in vita gli è stata fatale. E’ stato dichiarato deceduto sul posto.


58 Comments

MAX

Ottobre 25, 2011at 6:54 am

Se quello scritto dal giornalista è vero, si deduce che medico ed infermiere NON erano legati con le apposite cinture di sicurezza…
Capisco che il paziente era grave e che neccessitava più volte la rianimazione…ma il destino ha voluto che proprio in quella fase delicata ci fosse l’impatto con l’altro veicolo.
E’ una situazione anomala quella successa, che avrebbe imposto da parte del collega un rallentamento o all’occorenza un arresto dell’ambulanza per la sicurezza dei trasportati…. ma a volte la gravità del paziente (e per il suo bene) ti mette in condizione di valutare il modo di comportarsi alla guida, sono situazioni particolari che si decide sul momento….sperando sempre nella fortuna…. che in questo caso è stata assente!!!
Auguri di buona guarigione a tutti.

MAX

Ottobre 25, 2011at 7:02 am

CASSAZIONE: NO RISARCIMENTO VITTIMA SENZA CINTURA

Pubblicato Giovedì, 13 Ottobre 2011 09: :32
Indossare la cintura di sicurezza al momento di un incidente può rivelarsi non solo un gesto salvavita ma anche una protezione da spiacevoli sorprese con la compagnia assicurativa.
E’ questa la lezione impartita ad una donna che nel corso di un incidente stradale non l’ha indossata.

La vicenda processuale ha interessato la vittima dell’imprevisto e una società di assicurazioni. In questo caso sia il Tribunale che la Corte d’Appello hanno riconosciuto alla vittima il concorso casuale all’incidente, motivo per cui l’Assicurazione ha eseguito un rimborso parziale. La mancata adozione dei sistemi di trattenuta anche da parte di un passeggero rappresenta, infatti, una ipotesi di concorso causale nel fatto colposo che, cooperando alla produzione del danno, determina una riduzione del risarcimento dello stesso. La vittima è quindi ricorsa in Cassazione, lamentando davanti al giudice di aver subito danni fisici, e di avere avuto la cintura al momento dell’impatto. Dopo aver accertato il mancato uso della stessa e la natura dei danni fisici, dovuti a malanni precedenti l’incidente, la Suprema Corte ha confermato il verdetto della Corte d’Appello e del Tribunale. Gli ermellini con la sentenza n. 19884/2011 hanno infatti stabilito che, nonostante si possa essere vittime di un sinistro stradale senza alcuna colpa nella dinamica, non si ha automaticamente diritto a un risarcimento, nel caso in cui si accerti che non sono state indossate le cinture di sicurezza. Secondo la sentenza, le compagnie assicurative possono rifiutarsi di concedere qualunque tipo di rimborso o limitarlo ad una cifra parziale se viene accertata la negligenza del loro cliente. Le motivazioni di tale decisione sono comprensibili : dal punto di vista delle assicurazioni, se si fossero allacciate le cinture di sicurezza ci sarebbero stati, probabilmente, danni fisici di gran lunga inferiori se non del tutto inesistenti.

alessandro toscana

Ottobre 25, 2011at 9:06 pm

Comunque Massimo per salvare una vita non si può richiare di comprometterne altre,se in quell’istante era in corso una manovra rianimatoria occorreva fermarsi dove era possibile e attendere le condizioni giuste per poter ripartire,nonchè al bisogno saltare dietro il vano sanitario per dare una mano…..correre in quella situazione non serve davvero a nulla se non a mettere a rischio l’incolumità del resto dell’equipaggio e degli altri………..

Beppe

Ottobre 25, 2011at 10:18 pm

Beh pero’ Alessandro, quando stai trasportando in pronto soccorso un paziente in arresto cardiocircolatorio le manovre di rianimazione devono essere continuate senza alcuna soluzione di continuita’, salvo chiaramente quando devi devi rullare perche’ allora ci si deve fermare.

Pertanto, tranne le eventualinsoste obbligatorie per defibrillare, l’ambulanza deve viaggiare,altrimenti il paziente al pronto soccorso non ci arrivera’ mai.

Quindi che fare? Bisogna avere una misura giusta nel scegliere quale e’ l’andatura piu’ idonea con riferimento alle necessita’ del paziente m anche, come dici tu, dei trasportati.

E quale e’ questa andatura? Difficile dirlo…..d insicuro, pero’, se i componenti che stanno nel vano sanitario dicono all’autista di andare piu’ piano, l’autista deve andare piu’ piano.

Forse l’autista dovrebbe immaginarsi come si sta in equilibrio instabile la’ dietro, mentre luise ne sta comodo comodo a guidare, magari con indosso le cinture di sicurezza.

    Francesco Antonio Renda

    Maggio 22, 2017at 3:57 pm

    Difficile quando stai trasportando un arresto cardiaco che medico ed infermiere ti comunichino di andare meno veloce. E poi cosa significa “l’autista sta comodamente seduto davanti”, ma hai mai guidato un mezzo di soccorso con un codice rosso? Il piede sull’acceleratore ti balla, l’adrenalina sale a mille, non date giudizi se non avete provato.

Beppe

Ottobre 25, 2011at 10:21 pm

Scusate, quel rullare leggetelo come defibrillare

alessandro toscana

Ottobre 26, 2011at 2:08 pm

Beppe una volta che il paziente è caricato in ambulanza e opportunamente assistito arrivare 10minuti prima o 10minuti dopo sarà comunque ininfluente per la sua vita…..quindi in quella situazione è doveroso stare attenti all’andatura perchè non vi è nessuna utilità a correre in maniera scriteriata…….

Beppe

Ottobre 26, 2011at 2:19 pm

Ma guarda che sono d’accordissimo con te, Alessandro.

Quello che volevo dire è che comunque non ci si può permettere di fermarsi per rianimare in assoluta sicurezza; magari fosse così.

Nek

Ottobre 26, 2011at 9:03 pm

…Ecco perchè io sono un fervido assertore che i nuovi massaggiatori cardiaci in ambulanza salvano la vita non solo ai pazienti ma anche al personale di soccorso, che con massaggiatore in finzione, puo’ rimanere seduto e CINGHIATO CORRETTAMENTE, continuando a ventilare stando seduto alla testa del paziente! CAPITOOOOOOOOO!!!!
SO CHE QUESTI MASSAGGIATORI COSTANO PARECCHIO (17.000 €?) MA QUANTO COSTA UNA VITA UMANA?

Beppe

Ottobre 26, 2011at 10:49 pm

Tipo Lucas 2?

In effetti…….hai mica tutti i torti

Nek

Ottobre 27, 2011at 12:26 pm

No no, c’è di meglio del Lucas 2…. Per esempio Zoll Autopulse purchased che è di ultima generazione, con fascia e tanta autonomia

Nek

Ottobre 27, 2011at 12:41 pm

X Beppe e tutti gli intreressati…

Qui trovate la scheda tecnica e tutta la descrizione in italiano: http://storage1.evectors.it/files/site001165/misc/Ottobre2005.pdf

e qui puoi vederlo in azione (video):
http://stylesmind.blogspot.com/2010/07/zoll-autopulse-purchased.html

    Cesare

    Ottobre 27, 2011at 1:37 pm

    Interessante:

Beppe

Ottobre 27, 2011at 6:18 pm

Grazie Nek…questa sera avrò da leggere.

Beppe

Ottobre 27, 2011at 6:27 pm

Ma voi il filmato del suo funzionamento, lo vedete?

    MAX

    Ottobre 27, 2011at 6:29 pm

    si Beppe…. ma sei andato in fondo??? 😉 o clicchi la prima immagine?

Beppe

Ottobre 27, 2011at 10:04 pm

Ah ecco…adesso si vede da qua.

Grazie Cesare……tu si che……mica Max…..

    MAX

    Ottobre 27, 2011at 10:36 pm

    Hei hei,,, allora Beppe???? guarda che vengo a tirarti le orecchiette eh!!! 😉

Beppe

Ottobre 27, 2011at 10:49 pm

HAHAHa…permaloso..

Dai non prendertela. Non ho mai fatto un complimento a Cesare….e mie’ sembrata questa l’occasione giusta.

Pero’ va che sononbastardo…eh..?

    MAX

    Ottobre 27, 2011at 10:51 pm

    Ah allora si si è giusto per Cesare… ma è moltoooooooooo distratto 😉 chissà mai cosa lo distoglie da quà….mumble mumble :-))))))

Cesare

Ottobre 28, 2011at 11:30 am

sto lavorando tanto 😉 …… mica come voi sfaticati!!!!!! per questo ogni tanto mi assento….. qualcuno dovrà pure tenere alto il nome dell’Italia……hahahaha

    MAX

    Ottobre 28, 2011at 11:35 am

    ….BUON LAVORO allora Cesare!!! 😉

Nek

Ottobre 28, 2011at 11:40 am

Date a Cesare quel che è di Cesare!
AVE CESARE!

    MAX

    Ottobre 28, 2011at 11:42 am

    Si si ma se non ricordo male la storia… poi CESARE che fine fà?????? 😉

alessandro toscana

Ottobre 28, 2011at 2:36 pm

Molto interessante….una sola domanda…:fino ad adesso è stato testato solo sui manichini oppure si è avuto un riscontro anche in una scena reale?????…la mia domanda ha lo scopo di sapere se quel massaggio artificiale,se così lo possiamo chiamare,oltre ad essere efficente è altrettanto efficace??????detto in breve garantisce una circolazione quanto un massaggio tradizionale???????si riesce e sapere qualcosa di più????

    MAX

    Ottobre 28, 2011at 3:13 pm

    Dicono di si Ale… questo dispositivo è da anni già in circolazione…o modelli simili!!! A me è capitato di vederlo in uso….brevemente!!! perchè poi si è scaricato!!! ma questo da appurare se era stato usato precedentemente su altri interventi nella stessa giornata!
    C’è anche da dire che…sembra! ma non è proprio così facile posizionarlo correttemente!!! dipende dalle situazioni e posizioni che trovi sul momento!
    Un mio parere personale??? fatto per vendere!!! è ingombrante in ambulanza (infatti io l’ho visto mediante un intervento dell’automedica) neccessita di ricarica continua in stand by, pregi…non ti fà sudare mentre massaggi!!! 😉 mah non so! attendiamo altre opinioni.

Nek

Ottobre 28, 2011at 8:01 pm

Be’ cosa vi posso dire di piu’ altre alla scheda tecnica….
Sono stato al corso di aggiornamento istruttori SIMEUP a Padova a Settembre ed i medici ed i relatori scientifici l’hanno presentato come un presidio molto valido. (Validità basata su evidenza scientifica).
Infatti con il classico massaggio cardiaco esterno fatto a mani libere si ha uu tasso di sopravvivenza alla dimissione Ospedaliera del 2,9% mentre con il massaggiatore esterno automatico la percentuale sale al 9,7%. Mica male, ed è prorpio perché “Spreme” tutta la gabbia toracica e non comprime solo il cuore su 2 piani ossei (sterno e colonna) quindi si ha una perfusione molto piu’ elevata e soprattutto “continua” del cervello. Calcolando che un paziente in ACC perde la capacità di recupero del circolo per un 10% circa al minuto, mi pare che siano dati importantissimi. Inoltre per l’ingombro non è granché un posto in abulanza lo si trova.
Ma per i piu’ curiosi invio a Max anche il depliant illustrativo (sintetico) con le evidenze scientifiche ed i punti a favore.
Un caro saluto a tutti. DOMANI CONSIGLIO DIRETTIVO CoES LOMBARDIA: VI ASPETTO.

    MAX

    Ottobre 28, 2011at 8:03 pm

    Buon direttivo Nek 😉

Nek

Ottobre 28, 2011at 8:22 pm

Grazie Max…domani se magna!!! Se non calo di peso mi sa che non entro piu’ in cabina dell’ambulanza. 🙂

alessandro toscana

Ottobre 28, 2011at 9:01 pm

Massimo la mia paura sai qual’è…??’ che se venisse ufficialmente certificata la reale efficacia di questo sistema potrebbe diventare una scusa usata dalle aziende sanitarie per diminuire gli equipaggi di una ulteriore unità……..non mi stupirei più di tanto….

    Cesare

    Ottobre 29, 2011at 10:25 am

    Depliant




    MAX

    Ottobre 29, 2011at 5:39 pm

    mmmm ALE non penso che questo comporti la riduzione del personale …. Cesare dubito che i nostri colleghi siano talmente informati chee si fermino durante RCP in corso!!!

Cesare

Ottobre 29, 2011at 5:35 pm

devo dire che su grosse linee concordo con Alessandro, se addirittura si attacca al paziente un ventilatore automatico….. chi sta nel vano sanitario potrebbe pure fare i cruciverba nell’attesa dell’arrivo in ospedale.
occorre ben ponderare se l’avvento di sistemi come quello siano veramente di ausilio agli operatori.
vorrei comunque aggiungere che dove lavoro io, un paziente in arresto lo si tratta sul posto, se è in A.C. non ci spostiamo finché non riprende almeno il circolo ( altrimenti amen), se dovesse andare nuovamente in A.C. durante il trasporto in ospedale, ci fermiamo ed ugualmente non ripartiamo fino a quando non riprende circolo. Non esiste che si trasporti un paziente con il personale che massaggia!!!!!!

Beppe

Ottobre 29, 2011at 7:11 pm

Interessante quello che dici, Cesare.

Ma toglimi una curiosità. Voi sull’ambulanza avete anche il medico?

    MAX

    Ottobre 29, 2011at 7:16 pm

    No!!! Beppe…. il medico segue a piedi!!! ha ha 😉 scusa sono in vena di cazzateeeeeeeeeeeee hi…hi… scusa ancora…lascio la risposta a Cesare!

beppe

Ottobre 29, 2011at 7:37 pm

Sai cosa ti meriteresti?……Uhm…

QUESTOOOO……:

http://www.youtube.com/watch?v=t3_bVBAcMBQ

    MAX

    Ottobre 29, 2011at 7:45 pm

    Ha ha Beppe… sul mio petto è tatuato… NDR 😉

beppe

Ottobre 29, 2011at 7:59 pm

Ok…te la sei cercata …… traducimi questo filmato:

http://zoll.com/medical-products/cardiac-support-pump/autopulse/video/

    MAX

    Ottobre 29, 2011at 8:17 pm

    Semplice… il video ti dice… prima devi bere tutte quelle birre che si vedono…poi guarda il gesto della commentatrice…. devi….. bè si è capito no? e dopo tutto questo posizioni l’autopulse 😉
    NO NON DEFIBRILLA!!!

beppe

Ottobre 29, 2011at 8:04 pm

Ma….deibrilla anche…vero?

beppe

Ottobre 29, 2011at 8:06 pm

Ehi….ma è italiano?

    MAX

    Ottobre 29, 2011at 8:18 pm

    Italiano cosa Beppe?? ndr?

Beppe

Ottobre 29, 2011at 10:34 pm

il prodotto, lo fanno in Italia?

Cesare

Ottobre 29, 2011at 10:58 pm

Ciao Beppe, si, le equipe medicalizzate, 24 in tutta la Sardegna, sono sempre composte da Medico, Infermiere e Autista Soccorritore.

Beppe

Ottobre 30, 2011at 4:12 pm

Ah ecco, questo spiega come mai voi potete permetterVi il lusso di fermarvi sul posto, evitando cosi’ di dover massaggiare in ambulanza in movimento verso l’ospedale.

Certo che, sapendo dell’esistenza di questi aggeggi, mettendo insieme l’uilita per il paziente in ACC e la sicurezza dei soccorritori, viene proprio da domandarsi perché non siano ancora stati inseriti tra le dotazioni standard indispensabili delle ambulanze, al pari del devi fil agore o dell’ossigeno.

    MAX

    Ottobre 30, 2011at 5:24 pm

    Beppe circa 10.000 euro ti possono bastare alla tua domanda? perchè si aggira a poco meno il suo prezzo, e non penso che…le associazioni spendano questi soldi per allestire la propria ambulanza! no???

Nek

Ottobre 30, 2011at 6:57 pm

Queste sono le discussioni che mi piace innescare…Hi hi hi hi

    MAX

    Ottobre 30, 2011at 7:08 pm

    Innescatore malefico!!! 😉

Beppe

Ottobre 30, 2011at 7:45 pm

Mica ho detto che li debba pagare l’associazione……col piffero…..

Perche’ noi ci mettiamo il nostro tempo, ma gli strumenti per essere utili ce li deve dare l’Areu……come a suo tempo e’ stato fatto con i defibrillatori.

    MAX

    Ottobre 30, 2011at 7:51 pm

    Ah… me cojoni Beppe così è??? e di chi sono i soldi dell’AREU??? Allora tutti possono a questo punto fare convenzioni… basta mettere un mezzo e poi ad allestirlo ci pensa l’azienda??? Mi dispiace ma non mi trovi affatto d’accordo!!!

      MAX

      Ottobre 30, 2011at 7:53 pm

      Sai cosè rifflettendoci bene Beppe…. è che i bandi per le convenzioni non sono fatti con il criterio giusto!!!! E ora mi hai fatto anche incazzare ;-)!

Beppe

Ottobre 30, 2011at 8:59 pm

Comunque qui lo vendono a 9000 euro……….mi sa che, come per i definrillatori, se aspettiamo un 5 o sei anni, verra’ a costare non piu’ di 1000 euro.

Perche’ ti incazzi, Max?..cosa credi…. Che io per fare il volontario sgancio dei soldi….ma non se ne parla proprio. l’Areu, se vuole che faccia il soccorritore del 118, mi deve dare tutti i i mezzi per farlo ….TUTTIIIIIIIIIIIII………loro ci mettono i soldi e io ci metto il mio tempo….punto….cosa ci trovi di cosi’ scandaloso?

    MAX

    Ottobre 31, 2011at 12:24 am

    Ci mancherebbe Beppe che tu dovessi sganciare dei soldi per fare il volontario…se così fosse non ti rivolgerei più il saluto!!! 😉
    Però sottovaluti una cosa…. tu dici:
    Areu mette i soldi e tu ci metti il tuo tempo! manca un tassello che sta tra te e l’Areu!!!
    Se le aziende varie impostasse le convenzioni o appalti dicendo…. mi serve un mezzo DOTATO DI TUTTO quel che serve per fare emergenza (defibrillatore tipo xxxx, aspiratore, immobilizzatori, set vari, ecc.ecc.) SE DISPONETE DI TUTTI QUESTI REQUISITI fate l’offerta!!! Non che deve l’azienda stessa allestire dei pezzi mancanti a chi vince le convenzioni….e in più pagare somme stratosferiche!!! Vuoi la convenzione??? ti attrezzi con tutto quel che ti chiedo!!!!

Beppe

Ottobre 31, 2011at 2:02 pm

E tu, AREU, chiedi che ti sarà dato….

poi però paghi quello che ho speso per quello che tu, AREU, mi hai chiesto.

Max, se vai qua:

http://www.areu.lombardia.it/si4web/jportal/JPDocumento.do?id=161&rev=1

ci troverai la delibera:

DOTAZIONI E REQUISITI MINIMI DELLE AUTOAMBULANZE DI TIPO “A” E “A1” (D.M. 553/1987 E D.M. 487/1997) CONVENZIONATE CON AREU PER IL SOCCORSO SANITARIO.pdf

e guarda cjhe è del 9 settembre 2011, ripeto, 9 settembre 2011, mica sto parlando della delibera del 99.

Lì ci trovi scritte le dotazioni che devono avere le ambulanze di quelle associazioni che intendono concorrere per l’assegnazione delle postazioni di emergenza di cui al bando emesso di recente da AREU e tutt’ora in corso.

E dimmi, Max, ci trovi scritto, lì, AUTOPULSE…o il nome di quell’altro aggeggio che già non mi ricordo più come si chiama?…..no…non ci sta scritto.

E allora sai cosa succederà?…che prima o poi una associazione se lo compererà uguallmente l’aggeggio e AREU non ci metterà un soldo.

Allora dimmi, Max…….. in tal caso è AREU che copre i buchi dell’associazione o è l’associazione che copr ei buchi di AREU?

    MAX

    Ottobre 31, 2011at 3:58 pm

    Beppe infatti…torni dalla mia parte… le gare d’appalto sono fatte male! e quì come in altre parti si evidenzia il fatto!!!
    Comunque dubito!!! a parte qualche singola associazione… che in futuro acquisterà questo presidio…anche perchè facilmente sostituibile “manualmente” !!!
    Ma se io affitto un auto… la pago perchè sia completa di tutto! e non che dopo averla affittata devo di tasca mia comprarmi la ruota di scorta!!!
    Ma Beppe tu hai presente quanti soldi girano per una convenzione??? bè togli i consumi del mezzo , i suoi costi, e poi vedi con la rimanenza della convenzione quanti autopulse potresti comprare!

Beppe

Ottobre 31, 2011at 4:28 pm

Faccio fatica a seguirti, Max. Forse non avevo capito la tua obiezione iniziale.

    MAX

    Ottobre 31, 2011at 4:31 pm

    Tranquillo Beppe…possiamo parlare anni che le cose non cambieranno….anzi!!! è il sistema che non va! come in tante altre cose in questo paese… sono battaglie perse che portano beneficio a qualcuno che NON siamo noi!

Mauro

Novembre 27, 2011at 10:17 pm

Sono in ritardo……
a quando un carrello appendice per il trasporto del paziente?

Leave a Reply

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Archivi

3 visitatori online
3 ospiti, 0 membri
Numero max di visitatori odierni: 8 alle 01:24 am UTC
Mese in corso: 58 alle 05-18-2019 02:27 pm UTC
Anno in corso: 137 alle 01-12-2019 04:54 pm UTC
Complessivo: 675 alle 08-06-2018 12:51 am UTC