• blog@coesitalia.eu

E…ANCORA!!! :-(

  • 47

E…ANCORA!!! :-(

Ambulanza capotta, ferito il paziente

la Gazzetta di Mantova — 08 dicembre 2010   pagina 19   sezione: PROVINCIA


OSTIGLIA. Un’ambulanza della Croce Rossa di Sermide dopo aver sbandato in curva ha capottato finendo in un fosso. A bordo due volontari e un anziano. I primi due sono usciti illesi dall’abitacolo, mentre il pensionato è finito all’ospedale di Pieve di Coriano dov’è tuttora ricoverato in osservazione.  L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio sulla statel 12, proprio di fronte alla centrale elettrica di Ostiglia. L’ambulanza, proveniente da Torriana, nell’affrontare la curva e per cause ancora in corso d’accertamento, ha sbandato. Il conducente non è stato più in grado di rimettere in carreggiata il mezzo che ha capottato. Le richieste di soccorso sono scattate immediate.  Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco di Castelmassa e i colleghi di Suzzara, un’ambulanza del 118 dell’ospedale di Pieve di Coriano e due pattuglie della Polizia stradale di Ostiglia. In un primo momento l’incidente era sembrato molto più grave di quello che poi si è rivelato. I due volontari della Croce Rossa, aiutati dai pompieri sono usciti dall’automezzo ed hanno rifiutato il ricovero.  L’anziano, invece, è stato trasportato al pronto soccorso di Pieve dove i medici lo hanno sottoposto agli accertamenti del caso. Per precauzione hanno poi deciso trattenerlo in osservazione per almento altre ventiquattro ore. La Polizia è ancora al lavoro per accertare l’esatta dinamica del sinistro.


47 Comments

Stefano

Dicembre 9, 2010at 7:37 pm

Ho notato un piccolo particolare: questa ambulanza esce dallo stesso allestitore di quella della Croce Gialla del punto di primo intervento del Santa Lucia di Recanati. Che sia solo una coincidenza? Oppure altro?
Max che ne pensi?

sonobeppe

Dicembre 9, 2010at 8:59 pm

Io invece ho notato un uso alternativo della cucchiaio.

Stefano….ma te in quella foto da cosa capisci che è lo stesso allestiore di quell’altra?

sonoeppe

Dicembre 9, 2010at 9:54 pm

Ho capito…

… dalle luci posteriori alte?

Stefano

Dicembre 9, 2010at 10:02 pm

Guarda spoiler posteriore di questa macchina e cofano dell’altra.
Poi, immaginando che fossero macchine allestite dalla BVS, sono andato sul loro sito e… guarda un po qui:
http://www.bollanti.it/index.php?option=com_content&view=article&id=274:incidente-ambulanza&catid=3:news&Itemid=93

sonoeppe

Dicembre 9, 2010at 11:49 pm

Che sia loro quindi è certo.

Però, scusa Stefano, mi risulta difficile comprendere come il modo in cui un allestitore appronta un’ambulanza possa influenzare la tenuta della stessa. Si…i pesi…il baricentro…..però mi sembra poca cosa.

Stefano

Dicembre 10, 2010at 12:06 am

Nell’azienda per cui lavoro io come “ente convenzionato” hanno 2 Fiat Ducato ultima serie.
I 2 furgoni hanno pari caratteristiche e si differenziano solo per l’allestitore.
Ancora non si è riuscito a capire come mai quello dell’allestitore sopra menzionato non riesce a superare lo scalino per entrare in camera calda in quanto “troppo basso”.
Sai cos’hanno fatto per eliminare il problema? Una modifica al tubo di scarico. Ed adesso ci passa a pelo.
Mentre l’altro ci entra senza alcun problema (come i nostri che sono di un allestitore ancora diverso).
Baricentro? Pesi? O pneumatici?

    MAX

    Dicembre 10, 2010at 12:15 am

    Ma potevano sgonfiare le gomme per entrare…e rigonfiarle una volta usciti!!! ha ha… 😉

Stefano

Dicembre 10, 2010at 12:08 am

Ah Beppe: Max sa di che ambulanza parlo… quella con la botola sul tetto per far salire l’infermiere sul sedile contromarcia.
Ricordi Max?

    MAX

    Dicembre 10, 2010at 12:20 am

    …Accipiripicchia Stefano…rinfrescami la memoria sulla botola??? mi dice qualcosa… ma la mia mente mi porta a pensieri… non consoni a questo blog!!!

sonoeppe

Dicembre 10, 2010at 12:20 am

Botola sul tetto?…che roba è?

sonoeppe

Dicembre 10, 2010at 12:36 am

Guarate quest foto

http://foto.cronachemaceratesi.it/2010/12/incidente_ambulanza_06.jpg

Per essere uscita fuori strada ed essere arrivata fino laggiu’, secondo me veniva da destra . Nel fare la curva gli è andata via di culo e non riuscendo a controsterzare prontamente, l’ambulanza si è fiondata giu’ dalla scarpata.

sonoeppe

Dicembre 10, 2010at 12:38 am

Altre foto qua:

http://www.cronachemaceratesi.it/?p=51605

    MAX

    Dicembre 10, 2010at 12:42 am

    BEPPEEEE nei due link da te pubblicati… non si ha il permesso per accedervi!!!!

sonoeppe

Dicembre 10, 2010at 9:05 am

Azzarola….è vero.

sonoeppe

Dicembre 10, 2010at 9:14 am

Mi sa che per arrivarci dovete cancellare quanto sta scritto nella casella in alto e sostituire quanto cancellato facendo un copia e incolla dell’indirizo che ho riportato.

Scusate ma sono un poco ignorante in queste cose.

MAXXXXXXX….CESAREEEEEE…fatemi il favore di tradurre in modo comprensibile quello che ho appena scritto….dai.

    MAX

    Dicembre 10, 2010at 10:18 am

    Ha ha Beppe…lo farei volentieri… ma … quello che hai scritto non ha senso!!! 😉 se cancello… cosa poi copio e incollo??? 😉

sonoeppe

Dicembre 10, 2010at 10:47 am

Mah…mah…….

Guarda…sei fortunato che oggi sono in ferie e quindi posso “spremermi” un poco di piu’.

Allora……

hai presente quella casella in alto dove ora ci sta scritto:

http:/blog.coesitalia.org/

trovata?

ecco, evidenzia con il topo quella scritta e poi cancellala con il tasto CANC

Fatto?…ok

ora evidenzia quell’indirizzo

http://foto.cronachemaceratesi.it/2010/12/incidente_ambulanza_06.jpg

che ho riportato io andandoci sopra con il topo e poi copia quell’indirizzo negli appunti tenendo premuto il tasto Ctrl e il tasto c (che è la stessa cosa di fare clik su Modifica e poi copia)

Fatto?

Ora porta il topo nuovamente su quella casella in alto dove in precedenza avevi cancellato il contenuto e incollaci quello che hai messo negli appunti tenendo premuto il tasto Ctrl e il tasto V (che è la stessa cosa di fare clik su Modifica e poi incolla)

Fatto?

ecco ora premi il tasto Invio o Return o fai CERCA…insomma ci siamo capiti … e così lui va a quell’indirizzo.

A me così funziona

PRRRRRoooooovaaaaa.

    MAX

    Dicembre 10, 2010at 12:14 pm

    Wow Beppe… già ferie natalizie in anticipo??? Allora organizziamo grigliata!!! 😉

sonoeppe

Dicembre 10, 2010at 10:54 am

Ehi…..come mai ora funziona se si clicca sulla scritta blu che ho riportato nel mi precedente intervento?…boh

Allra adesso provo con quell’alro dove sono riportat una serie di fotografie molo belle.

http://www.cronachemaceratesi.it/?p=51605

Comunque complimenti al pilota dell’elicottero perchè non pensavo che sarebbe potuo atterrare lungo quella strada, che tra l’altro si chiama “Strada dei PALI”.

    MAX

    Dicembre 11, 2010at 2:30 pm

    Tranquillo BEPPE, l’AUGUSTA A 109 (quello in foto) è l’elicottero più piccolo utilizzato per l’elisoccorso….ti atterra anche nel giardino di casa… infatti le sue minime dimensioni permettono questo, da buon ingegnere che sei tu, ti lascio anche due dati di questo veivolo,
    LUNGHEZZA 10 m
    LARGHEZZA 11 m
    ALTEZZA 3 m
    A 109 POWER detto anche mozza teste… questo perchè le sue pale nonostante che il rotore principale abbia 3 m di altezza… le estremità delle pale a velocità minima girano ad un altezza di 186 cm!!!!!! IN PRUA!

sonoeppe

Dicembre 10, 2010at 10:55 am

No, in questo caso non funzia…..beh fate come vi ho detto prima.

sonoeppe

Dicembre 10, 2010at 12:55 pm

Ehi…ciccio…..io questa estate non sono riuscito a farle.

Allora?…sei riuscito vdere le “foti”?

    MAX

    Dicembre 10, 2010at 1:03 pm

    Ho delegato all’ “haker” specialistico x le foto… ho provato come dici tu , ma non me le apre!!!

sonoeppe

Dicembre 10, 2010at 2:54 pm

A me lo fa…

Cesare

Dicembre 10, 2010at 5:39 pm

Max, è molto semplice, incolla i link inseriti da Beppe nella casella di ricerca di Google, ed invia. Google farà il resto è per magia aprira il tutto.

Sonobeppe

Dicembre 10, 2010at 9:32 pm

Ah..nella casella di Google?…io lo facevo nella casella di internet

Stefano

Dicembre 11, 2010at 12:35 am

Max: Bollanti San Daniele del Friuli. Quella con il sedile contromarcia attaccato alla barella. L’hai anche pubblicata sul blog. E poi non entrava perchè grattava sotto non sopra. Hanno modificato la marmitta

MAX

Dicembre 11, 2010at 9:32 am

Ah… ora ricordo Stefano…si si la botola!!! ha…ha… 🙂

Sonobeppe

Dicembre 11, 2010at 5:29 pm

Si certo…sarà piccolo e nel mio giardino ci sta anche…..il problema è che nel mio giardino ci sono sparsi qua là una decina di alberi….voglo vederlo atterrare lì.

    MAX

    Dicembre 11, 2010at 5:45 pm

    Ahhhh.. atterra e non serve per un paio d’anni di….potarli!!!! 😉

Sonobeppe

Dicembre 11, 2010at 6:32 pm

Mah….scusami Max……mi spieghi come fa ad essere piu’ largo che lungo?

    MAX

    Dicembre 11, 2010at 6:37 pm

    LE PALE BEPPE… hanno questa misura… poi le misure che ti ho dato variano a seconda dei modelli A 109… ma il base ha queste misure.

    QUI VARIANO ANCORA …TRA 109 C 109 K2 …

    Dati tecnici dell’Agusta A 109 K2

    L’A 109 K2 è concepita su misura delle esigenze della Rega. Si tratta di una combinazione tra la versione civile A 109 C e quella militare A 109 K.

    Dati tecnici

    2 turbine (Arriel 1K1): 2 x 771 CV
    diametro rotore: 11,0 m
    altezza: 3,4 m
    lunghezza totale: 13,05 m

      MAX

      Dicembre 11, 2010at 6:48 pm

      BEPPE..GUARDA QUANTI MODELLI…
      Agusta A109

      * A109A: Il primo modello di produzione, alimentato da due Modello 250 della Rolls Royce- Motori dell’albero di trasmissione a reazione C20. Ha fatto il relativo primo volo il 4 agosto 1971. Inizialmente, il A109 è stato introdotto con lo pseudonimo “di Hirundo„ (latino per l’uccello dello swallow) ma questo è stato caduto in alcuni anni.
      o A109A EOA: Versione militare per Esercito italiano.
      o A109A Mk II: Versione civile aggiornata del A109A.
      o Massimo di A109A Mk.II: Versione dell’evacuamento Aeromedical basata su A109A Mk.II con i portelli larghi supplementari alto e basso provvisti di cardini di accesso e della baracca, piuttosto che ad un lato
      * A109B: Versione dei militari di Unbuilt.
      * A109C: versione civile della Otto-sede, alimentata da due Modello 250 della Rolls Royce- Motori dell’albero di trasmissione a reazione C20R-1.
      o MASSIMO DI A109C: Versione dell’evacuamento Aeromedical basata su A109C con i portelli larghi supplementari alto e basso provvisti di cardini di accesso e della baracca, piuttosto che ad un lato
      * A109D: Un prototipo soltanto

      * Alimentazione di A109E: Versione civile aggiornata, inizialmente alimentata da due Pratt & Whitney Motori di PW206C. Più successivamente il fornitore ha introdotto un’opzione per due Turbomeca Arrius motori 2K1 da usare – entrambe le versioni rimangono conosciute come l’alimentazione di A109E
      o Elite di alimentazione di A109E: versione allungata della baracca di alimentazione di A109E. Questa variante, che è funzionata dal RAF, ha “una cabina di guida di vetro„ con due insiemi completi degli strumenti e dei sistemi di navigazione pilota, compreso un autopilota giroscopico, di un sistema automobile-accoppiato di atterraggio strumentale e di un sistema posizionante globale per satellite. Ci è inoltre un’esposizione commovente del programma, radar di tempo e un sistema di allarme di traffico. [2]
      o A109LUH: “Variante militare dell’elicottero pratico chiaro„ di LUH basata sull’alimentazione di A109E. Gli operatori includono Aeronautica dell’Africano del sud così come la Svezia e la Malesia
      o MH-68A Stingray: Otto alimentazioni di A109E usate dal Protezione di litorale degli Stati Uniti Squadrone tattico Jacksonville (HITRON Jacksonville) di Interdiction dell’elicottero come elicotteri muniti a breve termine di interdiction.
      * A109K: Versione militare.
      * A109K2: Funzionamenti di temperatura elevata e di alta altezza con le rotelle fisse piuttosto che le rotelle ritrattabili della maggior parte delle varianti A109. Usato tipicamente dalla polizia, ricerca e salvataggio ed operatori dell’ambulanza dell’aria
      * A109M: Versione militare.
      o A109KM: Versione militare per i funzionamenti di temperatura elevata e di alta altezza.
      o A109KN: Versione navale.
      o A109CM: Versione militare standard.
      o A109GdiF: Versione per Guardia di Finanza, la protezione italiana di finanza
      o A109BA : Versione generata per Esercito belga.
      * A109S grande: La baracca allungata ha aggiornato la versione civile con due Pratt & Whitney Motori PW207.

      CA109

      Versione cinese di A109, prodotta vicino Changhe Aircraft Industries Corporation con l’autorizzazione.

Mauro

Dicembre 11, 2010at 6:46 pm

Scusate, volevo solo segnalare un ….. malcostume operante nel nostro paese, il Fiat Ducato gode di moleplici omologazioni stante i vari modelli con allestimento “furgone”, solitamente base di partenza per l’allestimento di un’ambulanza, ebbene, alcuni allestitori usano veicoli con portate non ottimali con conseguente scarsità d’assetto, mi spiego meglio, se il veicolo ha il sistema sospensioni tarato per 2500 kg e carico 3300 kg, il sistema è sottodimensionato alla portata e quindi sarà “morbido” inizialmente per sfiancarsi definitivamente con l’uso intensivo del mezzo e creando problemi di stabilità, per contro, se il sistema è tarato per 3500 kg e abitualmente il mezzo ne porta 3000 sara “duro” con stabilità compromessa e da non sottovalutare, vibrazioni dannose per i trasportati.
Ulteriori problematiche scaturiscono dalla trasformazione di modelli allestiti per altri mercati, ma questo è un’altro capitolo.
Unico consiglio….. , pretendere che l’allestimento sia effettuato su telaio con dicitura “Ambulanzabile”, cosi facendo abbiamo una sicura base di partenza, almeno…. si spera.
Un saluto.

    MAX

    Dicembre 11, 2010at 6:56 pm

    😉 la diplomazia nel dir le cose caro Mauro ti evidenzia sempre, ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire… ti suggerirei di accantonare questa diplomazia quando riguarda la sicurezza di tutti, e di dire le cose come stanno a livello nazionale… forse toccando sul vivo questo grosso problema…qualche testa bacata ne potrebbe fare buon uso!!! Un saluto max.

Sonobeppe

Dicembre 11, 2010at 6:51 pm

Che poi è questo..

http://cdn5.wn.com/or/hardy/helicopters/agusta-a109-power.html

ma io non so l’inglese …quindi ne so quanto prima.

Sonobeppe

Dicembre 11, 2010at 6:53 pm

Ma soprattuto…….è bellooooo…dai.

Te comunque non mi hai ancora detto come fa ad essere piu’ largo che lungo.

Sonobeppe

Dicembre 11, 2010at 6:58 pm

Ah scusa…..non avevo visto che avevi fatto due interventi.

Sonobeppe

Dicembre 11, 2010at 7:03 pm

Scusa, Mauro, ma la dicitura AMBULANZABILE dove è che la posso trovare scritta?

– sul telaio?…dove?

– sulla carta di circolazione?

Sonobeppe

Dicembre 11, 2010at 7:08 pm

Comunque, guardando quell foto (Recanati, non Mantova) la cosa strana è anche ch non mi sembra che l’asfalto fosse bagnato.

Si, lo so che si può volare fuori di strada anche con fondo asciutto, però…così….mi sembrava utile fare questa considerazione.

    MAX

    Dicembre 11, 2010at 7:15 pm

    Sicuramente si ippotizza che l’errore sia stato dal collega… ma stiamo in attesa di nuovi fatti per capire come è stata la dinamica…causata da cosa… nel frattempo anzi sempre… prudenza!

Sonobeppe

Dicembre 11, 2010at 7:19 pm

Io sulla questione dell’ambulanzabile ho trovato qualch osa solo qua:

http://www.soccorritori.it/showthread.php?7100-Sospensioni-Ducato…!

Mauro

Dicembre 11, 2010at 9:07 pm

La dicitura “ambulanzabile” non si trova sui documenti del veicolo rilasciati dalla MC, ma, è una dicitura che il concessionario può richiedere (se prevista dal costruttore) al momento d’ordine del telaio, sò per certo, che Fiat prevede la possibilità di ordinare un telaio con queste caratteristiche e dove, sono comprese anche le sospensioni pneumatiche montate in fabbrica, la VW prevede specifici pacchetti per il telaio trasformabile in ambulanza, chiaro… , costa qualcosa in +, (in VW x T5 circa 800 euro) ma, almeno sei sicuro che il veicolo ha delle predisposizioni specifiche inserite in fabbrica, che spaziano dalle sospensioni fino al doppio evaporatore per il clima, ricordo che, queste cose se l’allestitore ha interesse le fa sapere, altrimenti a consegna veicolo tutto compreso bisogna chiedergliele, nell’interesse di tutti.
Se invece, i particolari vengono inseriti dall’allestitore……. , si salvi…. chi… può!
Un saluto.

Mauro

Dicembre 11, 2010at 9:27 pm

Scusami Sonobeppe, ho mandato la risposta senza prima vedere il tuo post, infatti anche sul sito soccorritori.it trovi la stessa risposta alla problematica che dibattiamo, con leggero… anticipo, se posso consigliare, il problema sospensioni Ducato…. si risolve solo con sospensioni pneumatiche.
A Montichiari si sono viste diverse marche, ma, se posso consigliare, opterei per le Goldscmitt tedesche, molto performanti e tecnicamente eccelse, le importa una ditta di Padova, altrimenti, il mercato offre delle copie similari, con risultati ????.
Un saluto

Stefano

Dicembre 11, 2010at 10:24 pm

E qui Mauro ti posso rispondere con dati certi.
Il Fiat Ducato Ambulanzabile ha degli optional inclusi che lo differenziano dal furgone base.
Se prendi la versione MH2, gli ammortizzatori sono uguali in entrambi i casi (ad oggi).
Invece nella penultima versione, l’ambulanzabile si differenziava dal furgone perchè montava gli ammortizzatori posteriori della versione pulmino.
Se noti, per evitare i problemi degli ammortizzatori, ormai tutti gli allestitori montano la versione pneumatica (€1850,00)

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Archivi

2 visitatori online
2 ospiti, 0 membri
Complessivo: 675 alle 08-06-2018 12:51 am UTC
Numero max di visitatori odierni: 6 alle 12:02 am UTC
Mese in corso: 20 alle 06-06-2024 02:44 pm UTC
Anno in corso: 49 alle 04-25-2024 08:40 am UTC