• blog@coesitalia.eu

ADDIO CONCORSI E MOBILITA’

  • 58

ADDIO CONCORSI E MOBILITA’

Alla presente vi allego la legge 208/2015 (legge di stabilità 2016), di cui all’articolo 1 comma 397 lettera d punto 7 pagina 119, dispone che le Aziende Sanitarie sono obbligate ad assumere per mobilità il personale Ente CRI a tempo indeterminato con funzioni di Autista Soccorritore, fino a totale esaurimento di detto personale CRI, le ASL non possono fare assunzioni o mobilità di altro personale con funzioni di Autista Soccorritore.

Legge stabilità 2016 – L 208-15

 


58 Comments

MAX

Gennaio 5, 2016at 1:46 pm

…fino a totale esaurimento di detto personale CRI, le ASL non possono fare assunzioni o mobilità di altro personale con funzioni di Autista Soccorritore….
GRAZIE!!!!!!!!!!!

Dario

Gennaio 5, 2016at 1:52 pm

Non ci sono commenti, si commenta da solo !!!
🙁 🙁 🙁

Dario

Gennaio 5, 2016at 2:19 pm

Precari, contratti a termine, chi è inserito in una graduatoria scaturita da regolare concorso ed è in attesa di assunzione (anche da anni), chi di ruolo e sperava in una mobilità per avvicinarsi a casa…. ringrazia sentitamente il governo !!!

🙁 🙁

Dario

Gennaio 5, 2016at 2:26 pm

Fino a totale esaurimento…….. anche in SOVRANNUMERO…….., quindi nessuna speranza anche per chi ha maturato i requisiti per partecipare ad eventuali concorsi….
Quindi coprendo anche eventuali posti che si renderanno disponibili nei prossimi anni.

Mi vien da vomitare !!! 🙁

alex

Gennaio 5, 2016at 5:24 pm

Complimenti!!!! La classica porcata x assumere personale che non ha nemmeno la categoria richuesta nelle aziende. Infatti la maggior parte dei dipendenti cri è A2, un livello che non è corrispondente alla categoria B livello Bs o categoria C degli autisti delle aziende ospedaliere.

    MAX

    Gennaio 5, 2016at 8:11 pm

    Ben arrivato ALEX, ..già.. classica porcata fatta ad OK!!! senza requisiti!!! Un saluto max

MadMax

Gennaio 5, 2016at 5:39 pm

Ma in Lombardia dove tendenzialmente sono le Aziende Ospedaliere ad assumere tramite concorsi, come funziona la storia? Vale anche per loro o solo per le ASL delle altre regioni che si fanno carico diretto degli autisti-soccorritori che lavorano nel pubblico? Anche se non ho ancora maturato i 5 anni di esperienza professionale, in futuro mi piacerebbe partecipare a qualche concorso..

    MAX

    Gennaio 5, 2016at 8:14 pm

    MadMax.. vale a livello nazionale la legge di stabilità!!! Purtroppo ..dovrai aspettare mooooolto x vedere un concorso!!! 🙁 ma sai chi ringraziare x questo!!!

Alessandro Toscana

Gennaio 5, 2016at 8:59 pm

Comunque questa cosa era già nell’aria un anno fa. ..Secondo me siamo fuori dal mondo. …

Marco

Gennaio 5, 2016at 10:03 pm

Fatemi capire quindi se io sono dipendente CRI ormai privatizzata ,a tempo indeterminato,posso candidarmi per una selezione come autist ASL?

    MAX

    Gennaio 5, 2016at 10:28 pm

    No NicolA.. solo se tu facessi parte di quelli in esubero..assunti a tempo indeterminato e parcheggiati (stipendiati) qua e là. Non vale nel tuo caso che già sei dipendente presso comitati cri. Giusto?

    Loris

    Gennaio 6, 2016at 4:07 pm

    No vale solo per il personale pubblico non per quello privato

Marco

Gennaio 5, 2016at 11:04 pm

Forse oramai non ci rimane nient’altro che trovarci un posto di lavoro in qualche zona sconfinata di chissa quale parte del mondo (se ancora esiste tale posto) e lasciare il nostro a questi poverini che con i loro miserabili giochi politici riescono ad ottenere, anche a costo di togliere posti di lavoro e soldi a chi ha faticato dopo vari concorsi e sacrifici a meritarsi tutto ciò .Anche il 2016 sembra proprio iniziare nel modo migliore,cari colleghi autisti forse è il momento di iniziare a mostrare i denti ,altrimenti tra un po di tempo questi personaggi ci togleranno non solo la divisa ma anche le mutande,scusate lo sfogo ma sembra che proprio a nessuno interessi la nostra figura professionale,ma aii nostri colleghi va bene tutto ciò, o forse ci stiamo adattando …😂😂😂

Nek

Gennaio 6, 2016at 7:39 am

Comunque non capisco perchè l’azienda ospedaliera di Treviglio (BG) ha appena fatto un concorso per autisti d’ambulanza e l’azienda San Matteo di Pavia ne ha uno in scadenza il 18 gennaio per 21 posti congiuntamente con l’Aziena Papa Giovanni XXIII di Bergamo ed AREU.
Ma scusate se si devono prendere preventivamente tutti i dipendenti CRI di ruolo in “esubero” perché spendere soldi per fare concorsi pubblici? Sono forse molto pochi i dipendenti CRI da sistemare?
Non riesco a capire la logica!

    MadMax

    Gennaio 6, 2016at 7:54 am

    Probabilmente quando hanno indetto i bandi la legge di stabilità non era ancora in vigore.. o comunque l’iter per aprire il bando era già in corso da prima dell’approvazione.. o forse la legge non interessa i bandi già in programma. In ogni caso meglio così, onestamente gli esuberi della CRI pubblica hanno causato non pochi problemi negli ultimi anni. Ho rischiato di restare senza stipendio, anzi abbiamo rischiato di chiudere baracca e burattini, a causa di queste persone…

Nek

Gennaio 6, 2016at 8:36 am

Si Mad Max ma visto che ora è uscita la legge di stabilità ed il concorso scadrebbe il 18 gennaio 2016, che senso ha continuare a fare il concorso e spendere soldi?
Annulliamolo!

Nicola

Gennaio 6, 2016at 9:41 am

Esatto Max,ma quindi nel nostro caso non c’è alcuna possibilità di transitare nell’azienda ASL?

    MAX

    Gennaio 7, 2016at 6:46 am

    Così sembrerebbe Nicola!!!

Dario

Gennaio 6, 2016at 10:26 am

MAX, NEK,
come mai nel bando (2 posti) per Bergamo, Pavia, AREU ( vedi messaggio precedente di Nek) è riconosciuto anche il servizio di volontariato nei requisiti di accesso ????????

Dario

Gennaio 6, 2016at 10:38 am

Copio/incollo dal bando di concorso

FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO SAN MATTEO DI PAVIA
AZIENDA OSPEDALIERA PAPA GIOVANNI XXIII DI BERGAMO
AREU – AZIENDA REGIONALE DI EMERGENZA URGENZA DI REGIONE LOMBARDIA – MILANO
……………..
Requisiti specifici:
a)
cinque anni di esperienza professionale nel corrisp
ondente profilo di Bs nelle Aziende o Enti del
Servizio Sanitario Nazionale ovvero in profilo equi
pollente in altre pubbliche amministrazioni o in imprese private
, ovvero
attività svolta per almeno un quinquennio in qualità di Volontario Soccorritore Esecutore presso Enti o Associazioni del settore del soccorso sanitario: l’attività di volontario verrà considerata esclusivamente a fronte di documentazione rilasciata dai predetti enti o associazioni che attestino il contenuto dell’attività svolta e i relativi periodi di servizio (l’anzianità di servizio per attività di Volontario Soccorritore Esecutore deve risultare maturata per un periodo alternativo o integrativo a quello dell’esperienza professionale nel profilo di Bs)
……………..

Nek

Gennaio 6, 2016at 12:28 pm

Dario non ti anticipo nulla ma sappi che:
in linea con lo statuto della CoES Italia stiamo provvedendo! Abbi fede!
🙂

Loris

Gennaio 6, 2016at 5:03 pm

Allora facciamo un pò di chiarezza: croce rossa ha tenuto precari i suoi dipendenti per circa 15 anni, con contratti di 3 mesi, un mese, a volte 2 anni….tutti continuativi e mantenendo pressochè invariate le posizioni. Per 15 anni esattamente come tutti voi hanno lavorato per il 118, su convenzioni. Nel 2007 il governo prodi ha fatto una legge secondo la quale tutti i dipendenti pubblici che avevano 36 mesi di lavoro continuativo avevano diritto ad essere assunti di ruolo. Croce Rossa ( i vertici non i lavoratori) ha aderito, intascandosi 70 milioni di euro per queste stabilizzazioni e poi non ha fatto più nulla. Nel 2010 ( esattamente come i dipendenti delle poste) i dipendenti precari da oltre 10 anni hanno fatto causa all’ente x essere stabilizzati, questo hanno chiesto: avere diritto dopo oltre 10 anni di lavoro a poter chiedere un mutuo, come stabilisce la legge. Tutte le cause sono state vinte e croce rossa è stata obbligata a trasformare i contratti da tempo determinato a indeterminato, il personale avrebbe continuato a lavorare dove stava e senza creare problemi ma, baaam, nel 2013 croce rossa decide di privatizzare e propone questa scelta ai dipendenti: licenziarsi dal proprio contratto pubblico e sottoscriverne uno privato nettamente peggiorativo ( da 1200 a 900 euro che sia assunti da 1 giorno o da 15 anni non fa differenza) e subordinato alle convenzioni ( quindi un co.co.co.) oppure mantenere il proprio contratto pubblico indeterminato ( ottenuto dopo una causa pagata mediamente 5.000 euro ) ed essere trasferiti anche a 200 km da casa, come è successo a chi da oltre un anno da bergamo, bormio e sondrio si doveva recare al comitato regionale di Milano.
Fino a prima della legge di stabilità l’unico futuro prospettabile per questi “poverini” come qualcuno qui sopra li definisce era di essere posti in mobilità ed al termine dei 2 anni licenziati, poichè con l’inquadramento a2 o b1 difficilmente avrebbero trovato ricollocazione.
La stabilità ha “parato il culo” a lavoratori che da oltre 15 anni, come tutti voi del resto, si spaccano la schiena al servizio del cittadino, ma credetemi non sono stati 15 anni facili. Da oltre 2 anni i soccorritori della cri sono in agitazione tra manifestazioni e tentativi di salvaguardare il loro lavoro e non mi sembra ci sia stato grande interessamento o mi sbaglio?
Detto questo, ragazzi, ci siamo scelti tutti un lavoro che in questo paese è volutamente sottovalutato e abbandonato a se stesso e sappiamo bene tutti il perchè, non scanniamoci tra di noi e piuttosto cerchiamo soluzioni comuni.
Per inciso tutti i dipendenti che sono rimasti nel pubblico chiaramente hanno lasciato dei buchi nei comitati locali oggi privati, facilitando l’assunzione di amici e parenti da parte dei presidenti, anche questo se ci pensate è stata a sfavore di chi magari faceva questo lavoro da molti più anni, eppure all’epoca nessuno ha detto nulla.
Se avete dubbi o volete saperne di più potete contattarmi qui lorisc80@gmail.com.

    MAX

    Gennaio 7, 2016at 6:54 am

    Un ben arrivato sul BLOG a Loris, chiarificando ( per capire) nel suo commento…un pò di come sta questa storia…infinita!!!

Paolo

Gennaio 6, 2016at 8:05 pm

Alla faccia, di chi è una vita che fa questo lavoro, onestamente e nel modo piu professionale possibile…uno schiaffio duro a chi ha cambiato citta’, stravolto abitudini e famiglie dopo aver partecipato a tanti concorsi.
Con questa legge è prevalsa la solita storia all’italiana, un paese in cui non mi riconosco e non mi riconosco e non affianco il mio lavoro di OTSE appaiato ad autisti cri.
Gli hanno aiutati in tutti modi, di quelli che conosco nessuno di loro è mai riuscito a passare un concorso, tutti bocciati sempre alla prima prova, aiutati con le sanatorie, tutti divisa e distintivo…
Forse a livello politico si erano stufati di avere sul groppone questi personaggi, magari parcheggiati in vari comitati qui e la…o giocare alla guerra nei vari dipartimenti militari.
Sono 17 anni che faccio questo lavoro, non ho iniziato come volontario perche’ nella pubblica assistenza dove lavoravo, prima di entrare nel pubblico, hanno sempre preferito creare posti di lavoro anziche affidarsi a personaggi improvvisati.
A marzo mi scadra’ l’ennesima proroga e sono ad un passo dall’agognato ruolo, mi vedrò sorpassare da un soggetto che non ha mai avuto gli stessi requisiti richiesti dalla nota Aran, da qualcuno che quel posto di lavoro non se lo è guadagnato in un concorso.
Tu Crocerossino che mi soffierai il posto di lavoro, ricordati che non te lo sei guadagnato quel posto, lo hai solo rubato ad un altro, con un nome e cognome presente in una graduatoria di merito…ricordati che non sei meritevole di stare al posto mio..e non per meriti professionali..ma per una questione di onesta’..
ma si sa’..l’onesta’ non esiste…e da oggi la mia umile voce contro questi poteri occulti sara’ ancora piu’
forte.
Continuero’ a lottare per il MIO posto di lavoro e per la MIA figura professionale, a costo di rimetterci soldi a ricorsi e ad avvocati..
Sara’ una lotta impari..ma varra’ comunque la pena lottare contro quel cancro che è la disonesta’…e la disonesta’ per me da oggi si chiama Croce Rossa.

    MAX

    Gennaio 7, 2016at 6:54 am

    Uhhhh PAOLO, un bel (giusto) sfogo il tuo!!!

      MAX

      Gennaio 7, 2016at 6:59 am

      Mi fa piacere iniziare il 2016 con un incremento di persone nuove nel commentare gli articoli del BLOG, spero sia continuativo!!! ..eh sì, perchè a parte i soliti “pochi” partecipanti… gli altri sono quì??? http://www.chilhavisto.rai.it/dl/clv/index.html

    MAX

    Gennaio 7, 2016at 4:43 pm

    Paolo, un bel sfogo il tuo…SACROSANTO!!!

Loris

Gennaio 7, 2016at 10:22 am

Ciao a tutti, ragazzi credetemi nessuno di noi vive situazioni semplici con questo lavoro, ma i lavoratori cri ( parlo di quelli precari x oltre 15 anni ) ne stanno subendo davvero tante. L’onorevole Lenzi che è colei che ha scritto questo emendamento ne ha fatto anche un’altro, che sarebbe stato giusto e corretto postare insieme: dal 1 gennaio 2016, tutti gli atti di pignoramento per crediti verso la cri sono congelati e non è più possibile fino al termine della privatizzazione ( presunto x il 2018) avviare nuove cause verso l’ente. In soldoni molti colleghi che hanno pagato di tasca loro avvocato e pignoramento a fronte di crediti anche di 40.000 euro, grazie a questa legge non prenderanno 1 soldo per i prosdimi 3 anni e forse, visto che l’ente sarà soppresso non li prenderanno mai. I lavoratori “parcheggiati” da oltre 1 anno chiedono di tornare sulle ambulanze, è l’amministrazione che glielo vieta sia ben chiaro….provate a cercare su google “sky pasticcio dipendenti croce rossa”, vedrete che c’e’ gente che ha rischiato il licenziamento per rendere pubblico questo schifo, voluto dai vertici e non dai lavoratori.

Dario

Gennaio 7, 2016at 2:20 pm

Fatemi capire, da quanto scritto sopra, sono entrati in un ente pubblico senza procedure concorsuali e ora passano a altro ente pubblico (ASL) nuovamente senza concorso alla faccia di chi è nelle graduatorie o aspetta concorsi ???

Giuseppe

Gennaio 7, 2016at 4:08 pm

Ciao a tutti, qualcuno può spiegarmi una cosa? Nella legge si parla di autisti-soccorritori, ma per lo stato è una figura inesistente visto che tutti noi veniamo inquadrati come operatori tecnici specializzati autisti di ambulanza, quindi secondo me c’è che mi sfugge…

    MAX

    Gennaio 7, 2016at 4:39 pm

    Ben arrivato anche a te Giuseppe sul BLOG, vedi giusto… ti sfugge che… NOI siamo OPERATORI TEC. SPECIALIZZ. CAT. C AUTISTA AMBULANZA, mentre loro (CRI) gli è riconosciuta la dicitura AUTISTA SOCCORRITORE!!!! e per tanto ne viene parlato con questo titolo! Un saluto max.

checco

Gennaio 7, 2016at 5:15 pm

Volevo rispondere a dario…. no noi perché pure io lavoro in cri sono vincitore di concorso pubblico da 15 anni e mai stabilizzato.

marco

Gennaio 7, 2016at 8:49 pm

Per cio ché mi riguarda queste associazioni di volontari (color o croce che sia )sarebbe ora che iniziassero a capire che quello che fanno pensando di fare del bene ,tanto non è visto ad esempio nella mia ulss per colpa loro abbiamo perso notti e festivi in 3 postazioni .Tutti noi dipendenti per essere assunti abbiamo dovuto sostenere un concorso pubblico con esami pratici e teorici, lavorare anni prima del fatidico ruolo.Sarei curioso come ho già fatto con qualcuno di loro, chiedendo se a fine mese gli piacerebbe che il loro stipendio venisse decurtato di qualche centinaia di euro e donarli ad altri ,alcuni non sanno darti risposta , non capiscono che facendo cosi le varie ulss di quest’italia mai e poi mai di sicuro penseranno a fare concorsi per creare posti di lavoro.Grazie continuate così; come diceva il bravo Roberto Benigni ( non ci resta che piangere) 😭😭😭

    MAX

    Gennaio 7, 2016at 9:16 pm

    Marco, non cè piu’ sordo e cieco di chi non vuol sentire ne vedere!!! Sarebbe veramente di non guardare in faccia nessuno..e comportarsi tali!!

Matteo

Gennaio 8, 2016at 6:41 am

Chi ha il pane non ha i denti, chi ha i denti non ha il pane! Non aggiungo altro per non risultare volgare e mi associo a tutti i commenti come al solito vince chi non si merita nulla,chi grazie ai ricorsi si è intascato soldi e distrutto enti e per tutta risposta ora ha anche il posto di lavoro che prontamente RUBA a chi da anni lo aspetta. Ottimo.

alex

Gennaio 8, 2016at 9:19 am

Con tutti il rispetto per il personale della cri, ma non trivi giusto che debbano pagare quelle persone che hanno fatto un regolare concorso. Io credo che debbano fare una regolare mobilità tra enti come fanno tutti i dipendenti pubblici. Se hanno i requisiti ben venga la loro salvaguardia del posto di lavoro. Vi ricordo che molti dipendenti cri sono A2 e molti di questi hanno già provato a fare la mobilità ma è stata respinta in quanto non è paragonabile ad un livello B bs, o livello C.

Massi

Gennaio 8, 2016at 12:21 pm

sono dipendente di Croce Rossa Italiana dal 2001, assunto con regolare concorso a tempo determinato inquadramento EPNE B1/Bs, portato ad A2/B1 con nuovo concorso nel 2003, vinto anch’esso, volontario presso lo stesso ente dal 1986 (molti di voi giocavano ancora con le macchinine e il 118 non era ancora stato partorito. io non rubo il posto a nessuno di voi, semmani me lo sono onestamente guadagnato, non è presunzione, ma è la mia schiena a dirlo! la guerra dei poveri non mi è mai piaciuta e non è stato sicuramente un povero ad inventarla. mi sembra di capire che tutti voi cerchiate di inserirvi in un azienda pubblica, perchè? giustamente per le sicurezze lavorative e anche per molto altro…. giustamente, percè non lo dovrebbero fare anche i precari di Croce Rossa? se cercate un colpevole non cercatelo tra i lavoratori, ma cercatelo in un sistema assurdo tutto italiano, quasi unico al mondo!

    MAX

    Gennaio 8, 2016at 6:45 pm

    Massi, la risposta di MATTEO la trovo veritiera, come altresì trovo assurdo tutto quello che “documentato” si legge in CRI..proprio un sistema assurdo!! All’Italiana …politica!

      MAX

      Gennaio 8, 2016at 6:51 pm

      Da MODERATORE del BLOG, invito..come fatto fino ad ora, uno scambio di opinioni, commenti, nel rispetto di tutti! Onde evitare cancellazioni di commenti non rispettosi verso altri. Il dialogo e lo scambio di opinioni..commenti.. fatti nel rispetto di tutti, portano ad una crescita, per migliorare quello che è la nostra professione. Un saluto max.

Matteo

Gennaio 8, 2016at 12:42 pm

Ok dipendente CRI significa dipendente di quell’ente non di una ASL primo secondo tu hai iniziato nel ’86 io nel ’92 non giocavo con le macchinine e il 118 doveva ancora essere partorito detto ciò nessuno ti accusa personalmente di non esserti guadagnato il posto ma appunto in CRI e non ripeto in ASL quindi distinguiamo le cose.
Ben venga il discorso della guerra tra poveri ma se tu sei in questo ente ben saprai come si svolgono e si sono svolte le battaglie per altro vinte in modo assurdo io parlo perché conosco le persone che hanno fatto ricorso e altro. Con questo abbandono ogni tipo di discorso e/o provocazione inutile.
Buona giornata.

checco

Gennaio 8, 2016at 2:11 pm

Bravo massi concordo con te.. e poi cosa stai dicendo Matteo.
Vinti in che modo .. io sono arrivato fino alla cassazione e ripeto 15 anni di precariato dopo di un concorso STATALE vinto perciò ho il diritto , e certamente non rinuncio se mi offrono un posto alla asl

massi

Gennaio 8, 2016at 2:32 pm

hai in testa un po di confusione, i contratti pubblici che siano di CRI, ASL, ex Poste, Ministeri, appartengono tutti sotto la funzione Pubblica, è per questo che quando chiude un ente i dipendenti vengono fatti traghettare in un altro ente pubblico, i n queto caso sono state scelte, dico io, probabilmente le ASL per le qualifiche ottenute negli anni dietro. con questo, io non mi ritengo assolutamente migliore di nessuno, ma è che legalmente ho aquisito determinati diritti. ho già detto, che se te la vuoi prendere con qualcuno, prenditela con il sistema Italia. so bene cosa va e non va in CRI, ma so benissimo cosa non va anche nel resto…mi spiace molto se ti sei sentito colpito o offeso, ma non è certo per colpa dei dipendenti CRI per l’assurda situazione italiana del soccorso ambulanze.

Dario

Gennaio 8, 2016at 5:10 pm

Il problema è che non sembra corretto il modo in cui viene fatto, bloccando con una legge, di fatto tutte le altre assunzioni da graduatorie valide, mobilità tra ASL,
Forse era sufficiente lasciare a casa un po di volontari e far lavorare i dipendenti ???

massi

Gennaio 8, 2016at 5:33 pm

su questo sono pienamente d’accordo con te, ma te l’ho detto, questo paese finchè non istituirà la figura del paramedico o autista/soccoritore professionale, avremo sempre problemi di questo genere. comunque io aspetterei a dire che è tutto bloccato, per il momento sentiamo solo voci e di certo ancora non c’è nulla e nulla ancora c’è stato detto. io sono convinto che i posti ci sono per tutti, vedi coi nuovi orari europei che le varie ASL e 118AAT dovranno adeguarsi.

Dario

Gennaio 8, 2016at 6:01 pm

Al momento nella legge di stabilità 2016 trovi scritto il blocco delle assunzioni per le ASL che riguardano gli “operatori tecnici -autisti di ambulanza”. Poi che ci sia posto per tutti posso essere d’accordo con te, non rimane che aspettare e sperare.
La definizione “paramedico” la trovo troppo americana, suonerebbe meglio “autista mezzi di soccorso sanitario” o qualcosa di simile che renda chiaro il nostro ruolo.

massi

Gennaio 8, 2016at 6:06 pm

concordo. staremo a vedere.

MadMax

Gennaio 8, 2016at 7:08 pm

Ci stanno mettendo gli uni contro gli altri, e chi lo fa sono gli stessi che ci hanno portato a questa situazione. Anche io sono stato dipendente CRI e i contratti non ti danno nessuna garanzia, non puoi nemmeno fare un finanziamento a tasso zero per comprarti una lavatrice! Prima i vertici della CRI l’hanno ridotta all’osso con sprechi, malagestione e a volte anche malaffare, poi hanno dato un calcio nel sedere ai suoi dipendenti e infine ora li mettono in una posizione da arrecare danno o disturbo a chi invece ha partecipato ad un regolare concorso pubblico per essere assunto nelle ASL. Tanto a loro, “i vertici” non interessa niente di noi autisti soccorritori, anche perché se fosse per loro da domani mattina saremmo tutti rimpiazzati da associazioni di volontariato che di sicuro non chiedono diritti, tanto meno ne danno ai volontari che magari sperano in un posto di lavoro. Io sono stato volontario, ma ero disoccupato! E non mi vergogno di dirlo, l’ho fatto per essere assunto.. non per la gloria, degli altri, ma per la mia dignità di cittadino e soprattutto di lavoratore. E’ vero che mi manca ancora parecchio per raggiungere i requisiti richiesti dai bandi, ma alla luce di come stanno le cose non so nemmeno se quando li avrò raggiunti lo farò ancora di lavoro, visto che i bandi delle postazioni sono sempre a ribasso.. con le srl finte e le associazioni di volontariato al minimo ribasso che scalzano le aziende SERIE senza nemmeno tenere conto delle persone che rischiano così di perdere il lavoro.. io sono giovane ho una vita davanti, ma un padre di famiglia cosa dovrebbe fare a 50 anni? Andare ad elemosinare? Non è colpa dei dipendenti CRI se si trovano in questa situazione, ed è stata una vigliaccata da parte del governo metterli in una posizione di contrasto con chi invece è già in graduatoria o vorrebbe partecipare ad un concorso.. ci mettono gli uni contro gli altri per impedire di far valere insieme i nostri diritti, ed lo ripeto: è una vigliaccata!

    Paolo

    Gennaio 8, 2016at 7:17 pm

    E’ una vigliaccata hai ragione…e quello che dici riguardo la tua condizione è una cosa veramente seria e preoccupante, e non vergognarti a dire che sei entrato come volontario per essere assunto..perche’ il lavoro è alla base della dignita’ di una persona..

Paolo

Gennaio 8, 2016at 7:14 pm

Trovo abbastanza sconcertante il fatto che passare davanti a chi si è sudato un posto in graduatoria sia una cosa normale..un proprio diritto, perche’ magari si ha una storia di ricorsi alle spalle in cri.
Spero ci sia una mobilitazione a livello nazionale per bloccare questo scempio..
Per capirci meglio, non dico che un dipendente cri non debba essere stabilizzato, ma quanto meno, che la sua stabilizzazione non vada a ledere i diritti di altri colleghi…il mio posto nell’attuale graduatoria in cui mi trovo..ed in tante altre me lo sono sudato perche’ mi hanno esaminato, ho speso soldi in bolli e raccomandate, in viaggi per recarmi in tutt’ Italia a far concorsi.
E poi…ti trovi tutto vanificato, perche’ devono piazzare tra l’altro autisti che non hanno lo stesso tuo inquadramento.
Avrei preferito che ci si muovesse in altro modo, magari facendoli partecipare ai concorsi nuovi in essere, magari assegnandoli magari un mezzo punto in piu’..
E riguardo ad un commento in cui si parla di macchinine…io ho 39 anni e a 21 anni ho iniziato a lavorare in ambulanza, non ho mai fatto il volontario perche’ dove lavoravo (come ho gia scritto su) si e’ sempre preferito creare posti di lavoro.

Giuseppe

Gennaio 8, 2016at 8:03 pm

Comunque non credo che non ci saranno più concorsi perché uno dei requisiti per la mobilità è aver svolto attività in convenzione con l’ASL di assunzione da non meno di cinque anni cioè se un dipendente cri ha svolto attività in convenzione per cinque o più anni a Roma non può essere assunto in mobilità dall’ASL di Ancona e poi non in tutta Italia la cri svolge attività in convenzione con le ASL…

Dario

Gennaio 8, 2016at 9:54 pm

Il punto è che ora non si parla di stabilizzazione del personale precario CRI ma di passaggio da un’ente ad un’altro, avevano già un contratto a tempo INDETERMINATO con la CRI, di conseguenza non è una stabilizzazione e non si creano nuovi posti di lavoro, anzi, se ne perderanno, probabilmente.
Mi sembra di non aver letto nei commenti che la colpa sia dei dipendenti, ma di chi ha creato e permette questo sistema di passaggi di enti.
🙂

Matteo

Gennaio 9, 2016at 6:17 am

Trovo tute polemiche sterili ma per farmi capire meglio visto che mi è stato detto di avere un po di confusione rispetto a ciò che ho scritto mi rivolgo a chi mi ha replicato facendo un semplice domanda: ministero degli interni comparto sicurezza vigili del fuoco se chiudono diventi poliziotto?
La confusione la avete voi e ripeto nessuno scusa voi di essere i fautori di ciò che accade ma almeno abbiate l’umiltà di ammettere le cose. Saluti

checco

Gennaio 9, 2016at 9:25 pm

Si infatti Matteo bravo il corpo forestale la polizia provinciale etc etc visto che sono soppressi….si transitano come dici te nella polizia

fisio78

Aprile 23, 2016at 1:50 pm

Penso sia importante far conoscere a tutti, l’esito dell’interrogazione n. 137
della Consigliera Pergolesi al Presidente Regione Marche Ceriscioli in data 19/04/16 relativa alla
“Riorganizzazione dell’Associazione italiana della Croce Rossa”, quindi alle intenzioni della Regione riguardo la mobilità dei dipendenti CRI all’interno dell’ASUR Marche, del cambio di profilo professionale e del futuro dei precari autisti di ambulanza vincitori di avviso pubblico.
Di seguito il link dell’interrogazione in data 10/03/2016:

http://www.consiglio.marche.it/banche_dati_e_documentazione/atti_di_indirizzo_e_controllo/interrogazioni/pdf/inter137_10.pdf

E la risposta in data 16/04/2016 del Presidente Ceriscioli (interrogazione numero 137):

http://www.consiglio.marche.it/attivita/assemblea/sedute/scheda.php?seduta=27&leg=X

    MAX

    Aprile 25, 2016at 5:42 am

    Infatti Dario (Fisio) per questo è pubblicata sul blog l’interrogazione, per informare tutti! max

Lavoratore Esausto

Luglio 18, 2017at 8:16 pm

É giusto comprendere che il personale in Mobilità non é personale neo assunto, ma si tratta di personale a TEMPO INDETERMINATO, che già lavora per la pubblica amministrazione e che per pure scelte di governo si trova a dover traslocare da un ente/azienda pubblica ad in altra, quindi le lamentele di tutti voi sono ingiustificate e senza fondamenti validi, il personale pubblico a tempo indeterminato non può essere licenziato, ma va ricollocato!!! Prima di parlare cercate di capire le cose…cordiali saluti a tutti.

    MAX

    Luglio 20, 2017at 1:29 pm

    Come moderatore di questo BLOG..ero molto indeciso l’approvazione di questo commento, NON firmato!!! ricordo che il BLOG serve per confrontarsi e discutere problematiche inerenti alla professione, commenti che vanno fatti nel rispetto di tutti! max (moderatore blog)

Leave a Reply to MAX Annulla risposta

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Archivi

4 visitatori online
4 ospiti, 0 membri
Numero max di visitatori odierni: 11 alle 03:56 am UTC
Mese in corso: 59 alle 10-17-2019 08:09 pm UTC
Anno in corso: 456 alle 05-30-2019 08:54 pm UTC
Complessivo: 675 alle 08-06-2018 12:51 am UTC